.

Cuba vivere nei Caraibi , consigli per vacanze,organizzazione viaggi nella stupenda isola accompagnati da un italiano. Dagli alloggi ,auto,autisti e guide per la vostra vacanza

EOLO : SAPEVATE CHE..........


Notizia del 28 febbraio 2006 - 14:49 L'auto ad aria è... volata via Eolo, la vettura che avrebbe fatto a meno della benzina è stata fatta sparire. Perché? di: RuggineVIVAMO IN UN MONDO DOVE DEI BASTARDI CI VOGLIONO FAR CREDERE CHE IL PETROLIO E' IMPORTANTE QUANTO L'ACQUA QUESTA DEVE DAVVERO FARE IL GIRO DEL MONDO! Guy Negre, ingegnere progettista di motori per Formula 1, che ha lavorato alla Williams per diversi anni, nel 2001 presentava al Motorshow di Bologna una macchina rivoluzionaria: la "Eolo" (questo il nome originario dato al modello), era una vettura con motore ad aria compressa, costruita interamente in alluminio tubolare, fibra di canapa e resina, leggerissima ed ultraresistente.Capace di fare 100 Km con 0,77 euro, poteva raggiungere una velocità di 110 Km/h e funzionare per più di 10 ore consecutive nell'uso urbano.
Allo scarico usciva solo aria, ad una temperatura di circa -20°, che veniva utilizzata d'estate per l'impianto di condizionamento.
Collegando Eolo ad una normale presa di corrente, nel giro di circa 6 ore il compressore presente all'interno dell'auto riempiva le bombole di aria compressa, che veniva utilizzata poi per il suo funzionamento.
Non essendoci camera di scoppio né sollecitazioni termiche o meccaniche la manutenzione era praticamente nulla, paragonabile a quella di una bicicletta.
Il prezzo al pubblico doveva essere di circa 18 milioni delle vecchie lire, nel suo allestimento più semplice.
Qualcuno l'ha mai vista in Tv?Al Motorshow fece un grande scalpore, tanto che il sito www.eoloauto.it venne subissato di richieste di prenotazione: lo stabilimento era in costruzione, la produzione doveva partire all'inizio del 2002: si trattava di pazientare ancora pochi mesi per essere finalmente liberi dalla schiavitù della benzina, dai rincari continui, dalla puzza insopportabile, dalla sporcizia, dai costi di manutenzione, da tutto un sistema interamente basato sull'autodistruzione di tutti per il profitto di pochi.
Insomma l'attesa era grande, tutto sembrava essere pronto, eppure stranamente da un certo momento in poi non si hanno più notizie.
Il sito scompare, tanto che ancora oggi l'indirizzo www.eoloauto.it risulta essere in vendita. Questa vettura rivoluzionaria, che, senza aspettare 20 anni per l'idrogeno (che costerà alla fine quanto la benzina e ce lo venderanno sempre le stesse compagnie) avrebbe risolto OGGI un sacco di problemi, scompare senza lasciare traccia.
A dire il vero una traccia la lascia, e nemmeno tanto piccola: la traccia è nella testa di tutte le persone che hanno visto, hanno passato parola, hanno usato Internet per far circolare informazioni.
Tant'è che anche oggi, se scrivete su Google la parola "Eolo", nella prima pagina dei risultati trovate diversi riferimenti a questa strana storia.
Quali considerazioni si possono fare su questa deprimente vicenda? Certamente viene da pensare che le gigantesche corporazioni del petrolio non vogliano un mezzo che renda gli uomini indipendenti.
La benzina oggi, l'idrogeno domani, sono comunque entrambi guinzagli molto ben progettati.
Una macchina che non abbia quasi bisogno di tagliandi nè di cambi olio, che sia semplice e fatta per durare e che consumi soltanto energia elettrica, non fa guadagnare abbastanza.
Quindi deve essere eliminata, nascosta insieme a chissà cos'altro in quei cassetti di cui parlava Beppe Grillo tanti anni fa, nelle scrivanie di qualche ragioniere della Fiat o della Esso, dove non possa far danno ed intaccare la grossa torta che fa grufolare di gioia le grandi compagnie del petrolio e le case costruttrici, senza che "l'informazione" ufficiale dica mai nulla, presa com'è a scodinzolare mentre divora le briciole sotto al tavolo.... invece delle inutili catene di S. Antonio, facciamo girare queste informazioni!!!LA GENTE DEVE SAPERE!!!!!!!Link utili (ci sono anche video da scaricare): http://www.eoloenergie.it/html/ita.html

15 commenti:

  1. No comment...
    Lo so benissimo che non è una risposta da maturi ma ormai il mondo funziona così.
    Non credo più che nel piccolo si possa ancora fare qualcosa!

    RispondiElimina
  2. Grnde Niry, interessante vero?
    Alle

    RispondiElimina
  3. p.s.
    Alle non ti devi preoccupare del mio blog.
    il mio è solo pieno di cazzate, serve giusto per passare un pò di tempo durante gli orari di lavoro.
    Il tuo invece dona riflessioni!
    E' un blog serio!
    Non credi?

    RispondiElimina
  4. Più che interessante, è sconvolgente.
    A volte è meglio rimanere ignoranti.
    In islanda so che che ci sono, almeno c'erano delle macchine ad idrogeno.... con anche dei distributori.
    Mi chiedo che fine abbiano fatto!

    RispondiElimina
  5. Penso che invecie anche il tuo blog sia pieno di vita e di emozioni, quelli sani e sinceri.
    Alle!
    P.S:Era una battuta .

    RispondiElimina
  6. A proposito andate via anche se c'è brutto tempo?

    RispondiElimina
  7. Ti volevo anche chiedere chi è la tua amica con cui conversavi!

    RispondiElimina
  8. Si andiamo via anche se le condizione meteorologiche sono abbastanza pessime.
    Credo che si vada via giusto per stare tutti insieme.
    Ma scusa Alle perchè non vieni anche tu?
    Domani la greta torna giù da sola.
    Potresti tornare con lei.
    Tra l'altro so che parte verso le 14.00.
    Non perdi tanto.

    RispondiElimina
  9. La ragazza con cui chatto si chiama Anna.
    Viene anche lei a Santa Sofia.
    Tu sicuramente non la conosci.
    Ma il blog serve anche per quello!

    RispondiElimina
  10. E' tutta la settimana che esco,devo mettere a posto i pannelli fotovoltaici come ti dicevo precedentemente.
    Avremo occasione di trovarci tutti insieme un' altra volta. Si affacciano davanti a noi le vacanze natalizie.

    RispondiElimina
  11. Bello l'articolo, molto interessante, come interessante è il giornale che consigli di leggere.
    Tuttavia, io sono convinto che non manchi l'informazione ma le iniziative.
    Pensi che nessuno si è accorto che insieme al prezzo del petrolio non sono calate le bollette energetiche?
    Eppure tutti, io compreso non facciamo niente..
    Tutto ciò è molto triste..

    RispondiElimina
  12. Sicuramente le persone negli ultimi tempi sono diventate succube del egoismo personale però bisogna iniziare a reagire!
    Alle

    RispondiElimina

Si prega di usare un linguaggio moderato.